diverse letture

24/09 2018

Mantova letteratura: consigli su libri e scrittori

Da Prima Pagina online

Mantova Letteratura di Mantova è da sempre il grande appuntamento culturale dell’autunno: scrittori famosissimi italiani e stranieri hanno incontrato i loro lettori nella bella città dei Gonzaga e di Rigoletto per parlare di libri e lettura.

Come ogni anno il programma di eventi   è stato davvero fantastico e variegato. I maggiori autori della narrativa e della saggistica del nostro paese e non solo hanno passeggiato per le strade di Mantova e partecipato a incontri e convegni aperti a un pubblico numerosissimo e interessato.

Questo articolo raccoglie quelle che sono state le nostre impressioni, quali sono stati i libri e gli autori più interessanti ospiti del festival della Letteratura di Mantova e che grazie ai loro romanzi e saggi sono già diventati i protagonisti delle letture di tutti gli appassionati nel corso dell’autunno che sta per iniziare.

Mantova Letteratura: gli scrittori migliori

Inizio con Gianrico Carofiglio, uno degli scrittori più amati della nostra narrativa contemporanea: il padre del mitico avvocato Ruggeri è stato a Mantova per parlare di scrittura e dell’importanza dei cambiamenti. 

L’evento traboccante di appassionati  è stato davvero un grande successo. Arrivato al grande pubblico con i gialli, il nostro autore sta dedicando le sue recenti pubblicazioni alla saggista e al romanzo di formazione con grande successo di critica e pubblico.

La capacità di attraversare diversi linguaggi e forme è segno evidente delle grandi doti di questo autore di cui vi consiglio in particolare il recentissimo libro Con i piedi nel fango. La politica oggigiorno sembra diventa solo un esercizio di storytelling e di uso sapiente dei social media.

L’autore qui ci ricorda come l’azione politica sia invece impegno e lotta di fronte alle difficoltà della società nell’intento di apportare miglioramenti alla vita di tutti. Un saggio che ci aiuta a pensare il contemporaneo.

Dopo un grande autore italiano è il momento di citare uno dei grandi super ospiti internazionali del festival di Mantova: alla corte dei Gonzagza è arrivato per vera lectio magistralis il mitico Patrick McGrath.

L’autore di best seller come Follia ha guidato un interessante dibattito sul tema della pazzia in rapporto alla letteratura facendo leva anche sulla sua biografia e sulla sua infanzia passata accanto al padre, psichiatra presso un manicomio (esattamente come il protagonista del suo libro più noto). 

Tra i suoi libri voglio segnalarvi il romanzo Il morbo di Haggard. In questo libro McGrath ci racconta una storia morbosa ambientata in uno dei momenti più neri della storia del ‘900: il 1940 durante i terribili giorni dell’attacco aereo nazista a Londra.

Se questi sono stati solo due degli autori ospiti del festival della letteratura di Mantovapotete già immaginarvi il resto. Posso solo consigliarvi di tenere a calendario questo appuntamento per il 2019 e utilizzare il resto del post per ricordare altre grandi opere al centro del festival di Mantova.

I libri più divertenti

Se per il momento vi ho citato solo due di questi e parlando di libri sicuramente affascinanti ma un po’ “seri” voglio concludere il post dedicato al festival della letteratura citandovi una delle iniziative più interessanti che si è sviluppata in quei giorni a Mantova.

Si tratta del ciclo di incontri “il libro più divertente che ho letto”: come leggiamo dalla spiegazione presente programma del festival “Leggere non è una tragedia, anzi. Semmai è tragico non riuscire a trovare nella propria biblioteca un libro che riesca a metterci di buonumore e a strapparci qualche sana risata. […] In mezz’ora qualche divertito consiglio su racconti, romanzi e altre amene letture capaci di rallegrare lo spirito e di farci guardare con ironia a noi stessi e alle umane cose”.

In questo spirito vi cito uno dei libri che saranno al centro di questo simpatico incontro. Tra le numerose opere che verranno lette in questo spazio c’è infatti anche il classico Era una notte buia e tempestosa scritto dal mitico Schulz e dedicato al brachetto più famoso di sempre: Snoopy.

L’idea ci è piaciuta così tanto che proveremo a ripeterla ad Ascoli… che ne dite? 

Nella trepidante attesa di goderci il prossimo Mantova Letteratura 2019, vi ricordo che potete segnalarci i libri che vi sono piaciuti di più alla mail info@bibliodiversita.it

 

 

loghi
POR FESR Marche 2007-2013 Obiettivo competitività e occupazione
Investiamo nel futuro